X

LOGIN BOX

Non sei registrato? Iscriviti ora!

Password dimenticata ?

C'era una volta... Lucca Cosplay

Per chi era troppo giovane, o per chi ha scoperto il colorato mondo del cosplay solo in tempi recenti, ecco una retrospettiva che narra come l'Ass. Culturale Flash Gordon fece nascere la gara più amata d'Italia, i suoi primi rocamboleschi anni, come è cresciuta, come infine è diventata un elemento portante e di rilievo del palinsesto artistico di Lucca Comics & Games.

Grazie al supporto di personalità di spicco del settore nonchè cosplayer storici che hanno vissuto quegli anni pionieristici quali Pamela Colnaghi, Luca Buzzi, Maurizio Merluzzo, Luca Panzieri e Luca Mandara, vi accompagneremo fra curiosità, aneddoti e racconti in prima persona che vi mostreranno come il cosplay venisse vissuto all'epoca e di come si sia lentamente evoluto fino al fenomeno da tutti conosciuto e affermato dei giorni nostri. Ci saranno inoltre gli interventi di tre special guest d'eccezione: Renato Genovese, primo fra tutti a credere e a dare approvazione ufficiale al progetto di "Lucca Cosplay", Massimiliano Poggi, primo presentatore e presidente dell'Ass. Flash Gordon nell'anno della nascita di Lucca Cosplay, e Gianluca Del Carlo, membro dell'attuale organizzazione, che ha portato avanti la gestione dell'area palco e di Lucca Cosplay negli anni della piena maturità.Insomma, state pur certi che per quanto possiate saperne sull'argomento, avrete di che stupirvi!

L'appuntamento è per venerdì 2 novembre ore 13:30 nell'Area Show, Auditorium San Francesco presso la Japan Town!

  • Ci sono muri che separano ma sono stato su un muro che unisce. Goonatilleke S.
  • Ce sta Hulk come Lamù, e chi se ne va più? Francesco D.
  • Da te ritorno ogni anno mentre tu cresci senza invecchiare e io quando sto con te ritorno bambino. Giovanni Battista N.
  • La passione in migliaia di cuori. Roberta G.
  • Grazie Lucca Comics & Games per avermi fatto conoscere una mondo pieno di gioia e di fantasia. Roderick David G.
  • Sei fatta della fantasia di chi ci mette il proprio lavoro e della felicità di chi ci partecipa. Roberta M.