eSports Cathedral, anno 2017

A LC&G 2017 si terrà la 1ª edizione dei Campionati Internazionali d'Italia degli eSports, i giochi elettronici competitivi, in cui i migliori player italiani e internazionali si sfideranno ai videogiochi più importanti su piattaforma PC e console. Ancora una volta, sull’onda del successo dell'edizione zero del 2016, Lucca farà da impareggiabile palcoscenico a questa straordinaria manifestazione di livello mondiale.

Gli eSports sono un fenomeno in continua crescita che rappresenta una grandissima opportunità per l’industria videoludica e tutti gli appassionati, un fenomeno che in Italia si stima coinvolga ben otto milioni di persone, fra coloro che fanno dei giochi elettronici competitivi la propria passione e chi, invece, li segue occasionalmente.

A grande richiesta torna anche la eSports Cathedral: l’auditorium di San Romano, con i suoi affreschi barocchi e la sua acustica, permetterà a tutto il mondo di apprezzare i nostri talenti e ammirare l’unicità e la bellezza del nostro Paese.

I Campionati Internazionali d'Italia degli eSports sono organizzati da ProGaming Italia Srl, società leader nell'organizzazione di eventi e competizioni eSports che opera da oltre dieci anni in Italia ed Europa, in collaborazione con Lucca Comics & Games.

  • È come festeggiare il compleanno e Natale insieme, non me ne perdo neanche una. Silvy.
  • Una volta entrata tra le sue mura il resto del mondo scompare, e rimangono solo divertimento, entusiasmo e tanta voglia che la giornata non finisca mai! Milena.
  • Una volta all'anno a Lucca ci sono centinaia di persone che condividono i loro sogni ad occhi aperti. Elisa.
  • Lucca è come un'avventura. A partire dalla vigilia spesa pianificando con i tuoi amici, fino a quando ti abbandoni sul sedile del treno ed esulti: anche quest'anno ce l'ho fatta! Ettore.
  • Lucca è bere rum con Jack Sparrow, fare quattro risate con Joker e fumare funghetti con Super Mario a bordo della DeLorean. Serena.
  • Il posto dove tutti possono diventare eroi per un giorno. Simone.