X

LOGIN BOX

Non sei registrato? Iscriviti ora!

Password dimenticata ?

Mark Gibbons

Abbandonare il college d'arte dopo due settimane di pittura con crema pasticcera e sugo per suonare il basso in un gruppo Hair Metal degli anni '80, potrebbe non essere stata la mossa più saggia di Mark Gibbons, considerando la sua successiva scelta di carriera.

Nato e cresciuto a Cardiff, le sue prime commissioni professionali erano per la televisione e pubblicità locali, prima che Games Workshop lo attirasse a Nottingham nel 1992 per iniziare quello che affettuosamente definisce il suo “periodo spinoso”. Nel corso dei successivi cinque anni Mark ha creato centinaia di opere d'arte per l'iconico universo del gioco “Warhammer”.

Nel 1996 l’ascesa di PlayStation attirò Mark nel regno del digitale, dove trascorse la maggior parte dei successivi vent'anni lavorando per molti studi di sviluppo di videogiochi, tra cui Sony Computer Entertainment e, più recentemente, Blizzard Entertainment, per il quale ha lavorato sette anni, gli ultimi quattro come concept artist di “World of Warcraft”.

Dopo un periodo nel Foundations team di Riot Games, con il quale ha contribuito a dare corpo al mondo di “League of Legends”, Mark è tornato nelle acque turbolente del freelance. Continua a lavorare nel settore dei giochi, dividendo il suo tempo tra la direzione artistica, illustrando e sviluppando la sua linea di giochi da tavolo.

Mark Gibbons sarà ospite a Lucca Comics & Games in collaborazione con Cool Mini or Not.

Eventi correlati

Mark Gibbons
  • Ci sono muri che separano ma sono stato su un muro che unisce. Goonatilleke S.
  • Ce sta Hulk come Lamù, e chi se ne va più? Francesco D.
  • Da te ritorno ogni anno mentre tu cresci senza invecchiare e io quando sto con te ritorno bambino. Giovanni Battista N.
  • La passione in migliaia di cuori. Roberta G.
  • Grazie Lucca Comics & Games per avermi fatto conoscere una mondo pieno di gioia e di fantasia. Roderick David G.
  • Sei fatta della fantasia di chi ci mette il proprio lavoro e della felicità di chi ci partecipa. Roberta M.