X

LOGIN BOX

Non sei registrato? Iscriviti ora!

Password dimenticata ?

Kobane Calling On Stage

“Kobane Calling On Stage” è un atto d’amore del teatro al mondo poetico e comicissimo di Zerocalcare, ma anche un atto di solidarietà a chi ogni giorno in Siria mette a rischio la propria vita nella terribile guerra contro l'Isis.

Il capolavoro di Zerocalcare “Kobane Calling” debutta per la prima volta in scena, dando vita a un atipico documentario teatrale che restituisce il senso del viaggio di un gruppo di giovani volontari partiti per Kobane, la città simbolo della resistenza curda, con l’intento di portare aiuti umanitari e raccogliere testimonianze per una cronaca alternativa della situazione siriana.

L'adattamento e la regia sono del regista e drammaturgo Nicola Zavagli che da anni persegue, con l'attrice Beatrice Visibelli e la compagnia Teatri d’Imbarco, un teatro popolare d'arte civile. In scena a dar vita a Calcare un giovane attore di grande talento, Lorenzo Parrotto, e una nutrita compagnia composta da Michele Lisi, Luigi Biava, Carlotta Mangione, Flavio Francucci, Fabio Cavalieri, affiancata da Cristina Poccardi, doppiatrice nonché curatrice del progetto Teather Graphic Novel, inaugurato l'anno scorso con “Una ballata per Corto Maltese”. Video design a cura dello Studio Kmzero di Firenze.

ATTENZIONE - Per questo evento l’ingresso è possibile tramite biglietto speciale, ritirabile gratuitamente fino a esaurimento presso la biglietteria del Teatro del Giglio dalla mattina dell'evento, per i possessori di biglietto e braccialetto della manifestazione validi per il giorno stesso.

  • Ci sono muri che separano ma sono stato su un muro che unisce. Goonatilleke S.
  • Ce sta Hulk come Lamù, e chi se ne va più? Francesco D.
  • Da te ritorno ogni anno mentre tu cresci senza invecchiare e io quando sto con te ritorno bambino. Giovanni Battista N.
  • La passione in migliaia di cuori. Roberta G.
  • Grazie Lucca Comics & Games per avermi fatto conoscere una mondo pieno di gioia e di fantasia. Roderick David G.
  • Sei fatta della fantasia di chi ci mette il proprio lavoro e della felicità di chi ci partecipa. Roberta M.