Simone Angelini

La collaborazione tra Simone Angelini e Marco Taddei inizia nel 2011, grazie alla fanzine autoprodotta “Carta Straccia”, fondata dallo stesso Angelini nel 2009. Se per Simone il fumetto è sempre stato presente, Marco lo ha sposato come mezzo d'espressione solo in età adulta, adottando fino a quel momento i metodi più disparati per sfogare la sua inesauribile vena creativa, sempre condita da un gusto unico per il bizzarro.

Una volta sintetizzate le loro anime artistiche nelle pagine di un fumetto, gli infiniti e strani mondi fino ad allora compressi all'interno di loro sono esplosi in una moltitudine di mondi psichedelici ed emozionanti. I primi due libri nati dal duo Taddei/Angelini sono le raccolte “Storie brevi e senza pietà” e “Altre Storie brevi e senza pietà”, uscite nel 2012 per la casa editrice romana Bel-ami e tradotte per l'America da Tinto Press.

2 anni dopo, sull'antologico “B-Comics”, fa la sua prima comparsa Malloy, il gabelliere spaziale, personaggio che tornerà in una graphic novel a lui dedicata da Panini Comics nel 2016, ma è con la loro prima graphic novel, “Anubi”, che raggiungono il successo del grande pubblico. Pubblicata nel 2015, la storia della divinità egizia esiliata si aggiudica nel 2016 il premio speciale de “La Repubblica XL” al Napoli Comicon e il riconoscimento come miglior fumetto dell'anno durante il Treviso Comicbook Festival.

Simone Angelini e Marco Taddei saranno ospiti di Lucca Comics & Games 2017 in collaborazione con Panini Comics.

Eventi correlati

Simone Angelini
  • Ci sono muri che separano ma sono stato su un muro che unisce. Goonatilleke S.
  • Ce sta Hulk come Lamù, e chi se ne va più? Francesco D.
  • Da te ritorno ogni anno mentre tu cresci senza invecchiare e io quando sto con te ritorno bambino. Giovanni Battista N.
  • La passione in migliaia di cuori. Roberta G.
  • Grazie Lucca Comics & Games per avermi fatto conoscere una mondo pieno di gioia e di fantasia. Roderick David G.
  • Sei fatta della fantasia di chi ci mette il proprio lavoro e della felicità di chi ci partecipa. Roberta M.