• Comune di Lucca
  • Con il patrocinio di: Regione Toscana, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Consiglio Nazionale delle Ricerche
  • Comune di Lucca
  • Festival: dal 28/10 al 01/11 - Mostre: dal 15/10 al 01/11

RICORDANDO... JAN KARSKI

Ci sono tanti modi per approcciarsi al Giorno della Memoria. Si può farlo anche con i fumetti. E, infatti, una delle mostre che più hanno colpito i visitatori di Lucca Comics & Games 2015, è stata “Jan Karski: reporter dall’inferno” (poi presentata anche a Palazzo Ducale). L’esposizione era dedicata al graphic novel di due italiani, Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso, autori non nuovi alle tematiche scottanti del graphic journalism. Nel libro ci raccontano la storia di Jan Karski (Jan Kozielewski il suo vero nome) che, nella sua attività di esponente dell'Armia Krajowa (Esercito Nazionale), e di corriere della Resistenza polacca al nazismo, diventa testimone oculare di quanto avviene negli anni della Seconda Guerra Mondiale nel Ghetto di Varsavia e nel campo di concentramento vicino a Lublino. Il libro riesce a trattare, grazie alla pregevole leggerezza delle matite di Bonaccorso, visioni di morte che risultano toccanti e profonde, individuando le ragioni che spingono  Karski, pur non ebreo, a inseguire la verità a ogni costo,  deciso a denunciare al mondo le atrocità commesse dai nazisti ai danni della nazione polacca e degli ebrei tutti.  Non ricevette dagli Alleati quell’ascolto e quella considerazione che quella sconvolgente verità meritava, ma solo un’umiliante incredulità e una indifferenza da far venire i brividi a noi che quella tragedia, purtroppo, la conosciamo ormai fin troppo bene.

Non gli resterà, nel 1944, che affidare al libro “La mia testimonianza davanti al mondo”. Ma Karski – che rimarrà dimenticato nel dopoguerra in ragione dei nuovi assetti politici mondiali sarà riscoperto e intervistato dal regista Claude Lanzmann per il celeberrimo Shoah (1985), ricevendo quell’ascolto e quella considerazione che gli sarebbero stati dovuti con largo anticipo.

Renato Genovese

  • È come festeggiare il compleanno e Natale insieme, non me ne perdo neanche una. Silvy.
  • Una volta entrata tra le sue mura il resto del mondo scompare, e rimangono solo divertimento, entusiasmo e tanta voglia che la giornata non finisca mai! Milena.
  • Una volta all'anno a Lucca ci sono centinaia di persone che condividono i loro sogni ad occhi aperti. Elisa.
  • Lucca è come un'avventura. A partire dalla vigilia spesa pianificando con i tuoi amici, fino a quando ti abbandoni sul sedile del treno ed esulti: anche quest'anno ce l'ho fatta! Ettore.
  • Lucca è bere rum con Jack Sparrow, fare quattro risate con Joker e fumare funghetti con Super Mario a bordo della DeLorean. Serena.
  • Il posto dove tutti possono diventare eroi per un giorno. Simone.